LA FITOTERAPIA
La Fitoterapia è una forma di terapia naturale che aiuta a prevenire ed a curare la malattia con l´ausilio di piante medicinali, mettendo a disposizione un patrimonio di principi attivi spesso sottovalutato e misconosciuto.

Le proprietà curative delle piante medicinali sono note da sempre, ma oggi assistiamo ad una rivalutazione delle erbe in campo medicamentoso, cosmetico e dietologico, poiché i fitoterapici, stimolando lentamente ma efficacemente l’organismo, lo mettono in condizione di reagire in un modo più naturale.

Le cure vegetali, inoltre, sono valide per effettuare terapie preventive, come per esempio nei cambi di stagione, per cui l’assunzione di sostanze detossinanti e drenanti naturali, permette di rinforzare l´organismo migliorando la capacità di risposta alle aggressioni esterne.

Nonostante la Medicina Ufficiale utilizzi molti principi attivi presenti nelle piante medicinali riproducendoli chimicamente e inserendoli nella formula di farmaci molto diffusi, il vantaggio delle preparazioni naturali rispetto ai farmaci di sintesi è legato al fatto che, quando il fitoterapico viene utilizzato in tutte le sue parti, ossia “in totum”, mantiene inalterati gli equilibri insiti nella pianta stessa, per cui, mentre alcune parti aiutano l´assorbimento dei principi attivi, altre ne limitano l´eventuale tossicità. Per questo l’impiego curativo risulta più efficace e meno aggressivo per l´organismo.

La somministrazione corretta dei fitopreparati, cioè dei medicinali a base di erbe, non presenta rischi particolari, se non quello, raro, di una reazione allergica, peraltro sempre possibile anche con i farmaci di sintesi.

Va comunque tenuto presente che non pochi rimedi vegetali hanno effetti dannosi e possono presentare controindicazioni, specialmente se coltivati in luoghi contaminati da sostanze tossiche, se preparati sottoforma di “estratti” o se usati contemporaneamente a farmaci di sintesi. Per questo è sempre bene affidarsi ai consigli di un fitoterapeuta professionista. 

L’OMS, per garantire un corretto utilizzo delle piante medicinali, ha comunque elaborato una serie di linee guida  per una idonea valutazione dei prodotti a base di erbe.

Sebbene in alcuni Paesi della Comunità Europea siano state adottate norme legislative per un valido controllo qualitativo, e nonostante i tentativi di una equiparazione a livello Comunitario, le norme nazionali differiscono molto le une dalle altre.

E’auspicabile che le crescenti istanze per una normativa europea, sollevate da più parti, vengano quindi accolte al più presto, al fine di garantire un serio controllo della qualità dei prodotti.